[x] Main Menu

Il Cervello che ci ha dato “Purple Haze”


By Tom Jacobs

Uno psicologo sostiene che l'enorme creatività del chitarrista Jimi Hendrix può essere rintracciata nell’elevato livello di integrazione tra i due emisferi del suo cervello.
Il chitarrista Jimi Hendrix è una icona della controcultura degli anni 1960, un emblema energico di ribellione creativa. Un articolo pubblicato di recente suggerisce che rappresenta anche qualcosa di completamente diverso: il potere immaginativo che si scatena quando i due emisferi del cervello lavorano insieme.
Scrivendo sul giornale Lateralità, lo psicologo Stephen Christman, dell’Università di Toledo, osserva che Hendrix era un " ambidestro”. Scriveva e mangiava con la mano destra, ma pettinava i capelli e suonava la chitarra con la sinistra. Diversi studi precedenti - tra cui quello di cui abbiamo riferito lo scorso autunno - hanno associato questa caratteristica con la creatività, a quanto pare perché indica insolitamente una forte interazione tra l’emisfero destro e sinistro del cervello.

Se l'analisi di Christman è corretta, Hendrix è un esempio lampante di questo fenomeno. La capacità del musicista rivoluzionario di utilizzare entrambi i lati del suo cervello, "gli ha permesso di integrare le azioni delle sue mani destra e sinistra mentre suonava la chitarra, di integrare i testi e le melodie delle sue canzoni, e forse anche di integrare il blues più classico e la tradizione R & B con il folk emergente, il rock e i suoni psichedelici degli anni '60 ", scrive.

Precedenti ricerche di Christman hanno trovato che l’ambidestrismo non è raro tra i suonatori di strumenti a corda, che devono rigorosamente sincronizzare le azioni delle loro due mani durante l'esecuzione. Egli scrive che, nel caso di Hendrix, questa caratteristica ha permesso al chitarrista di utilizzare simultaneamente "la mano destra per premere le corde sui tasti, e la mano sinistra per pizzicare le corde e modificare il selettore dei pickup e i controlli del tono, del volume e la leva del tremolo (“whammy bar '') sullo strumento.
In questo modo, Hendrix riuscì a generare " urla ultraterrene, grida e suoni tipo sirena con la chitarra", molto famose nella la sua irriverente interpretazione di The Star-Spangled Banner, registrata al Festival di Woodstock.
Christman osserva che il linguaggio e l'elaborazione ritmica tende ad essere concentrata sul lato sinistro del cervello, mentre il trattamento della melodia e dell’armonia si sviluppa su lato destro. "Questo suggerisce a lui che " l’ambidestri potrebbero avere un vantaggio nell'integrazione di testi e melodia nelle canzoni ", nel senso che possono essere "maggiormente in grado di mettere le 'parole giuste' con la 'melodia giusta' ".
"Può essere una coincidenza che All Along the Watchtower, il singolo dall'album Electric Ladyland, è stata scritta da Bob Dylan, un altro cantautore ambidestro", scrive.

"La manualità ambidestra è anche associata ad una maggiore tolleranza dell’ambiguità, che caratterizza gran parte del contenuto lirico e musicale di Electric Ladyland", Christman aggiunge. Egli cita, tra gli esempi di ambiguità nei testi di Hendrix, quelli che includono un riferimento al galleggiare "in giardini liquidi giù nella Sabbia Rossa dell’Arizona ", che in effetti potrebbe anche essere considerata come prova di un pesante uso di sostanze farmaceutiche.

L’analisi di Christman è, necessariamente, teorica, poiché la vita di Hendrix è finita prima dell'era di sofisticate scansioni cerebrali. Ma la sua posizione ottiene il supporto da parte di un altro musicista di livello mondiale: il violinista classico Nigel Kennedy, che ha registrato un CD di brani di Hendrix nel 1990. Egli cita Kennedy quando dice: "Penso che quello che è interessante - circa Hendrix - è la coscienza laterale che ha. Penso che l'integrazione nella musica è proprio ciò che crea l'originalità. "



Associated Topics

MUSICA